Blog: http://Innoxius.ilcannocchiale.it

Una buona riforma che sia definitiva

Una buona riforma che sia definitiva. Da parte mia non c'è nessun'altra richiesta più di questa.

Al di là del decreto Gelmini, su cui esprimo una forte contrarietà, il punto nodale è che i governi di sinistra e destra passano, le riforme (e/o contro-riforme) si susseguono, obbligando tutto l'apparato (docenti e studenti in primis) ad adeguarsi nello spazio di pochissimo tempo, senza però che si risolva alcunché; anzi, siamo già fortunati se le cose non peggiorano. La questione si ripete oggi, e con un elemento di gravità in aggiunta, se è vero, come è vero, che il ministro Gelmini, su mandato di Giulio Tremonti "mani di forbice", prima pensa a reperire fondi attraverso tagli orizzontali, e poi si dice pronta a discutere dei problemi complessivi di scuola e università. Logica imporrebbe che la razionalizzazione della spesa (e il conseguente taglio degli sprechi nell'università, non dell'università) fosse considerata strettamente collegata al discorso sulla riforma in profondità dell'università, in modo da snellire l'apparato, demolire privilegi consolidati e reinvestire gli sprechi in utili per la ricerca in quei poli e dipartimenti universitari che funzionano. Tutto, insomma, fuorché l'indirizzo "dei due tempi" adottatto da questo governo. Indirizzo che, peraltro, non pone nemmeno le basi per una discussione successiva e approfondita tra le parti in questione: tanto il secondo tempo si risolve nello Stato che cede il patrimonio universitario ai privati...

Comunque non mi pongo più di tanti dubbi: parliamo di un governo che va avanti a colpi di decreti e di studenti che protestano in mutande o studentesse vestite da prostitute, e continueremo a parlare di questo, purtroppo, magari rispolverando per l'occasione una discussione tanto filosofeggiante quanto vintage su quanto bello o brutto fosse il 1968 (lo rifacciamo? Sì, dai dai!). Del merito dei contenuti non ne troveremo traccia; di gente che paga un affitto oneroso e muore per uno scaldabagno da sostituire, di gente che fa ricerca sulla graticola di stipendi bassi e contratti a termine, di concorsi truccati, dell'esigenza di borse di studio, eccetera eccetera. Intanto qualche "fesso" (italiano) magari scopre come fermare l'Hiv, ma chissenefrega...

Pubblicato il 28/10/2008 alle 21.47 nella rubrica Qui Italia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web