.
Annunci online

Innoxius
29 luglio 2009
Si riparte

Non sapevo che sarei ritornato a rompervi con le mie riflessioni; non immaginavo quel giorno. Ebbene quel giorno è arrivato.

Scommetto che qualcuno che conosceva questo blog prima della sua lunga agonia si starà chiedendo come mai sia cambiato qualcosa sopra e non compaia più il simbolo del Partito Democratico. Giusto, devo una spiegazione.

Non entro nel merito dei dettagli, dico solo che il mio impegno nel Pd di Anzola è stato il massimo che potevo dare, nel frattempo sono stato segretario di circolo e anche candidato consigliere alle recenti comunali (non eletto). Ed è proprio a seguito delle elezioni che ho abbandonato perché il rapporto tra me e il segretario comunale, politicamente parlando, si è incrinato. Basti questo, non chiedetemi altro. La brutta avventura ha fatto sì che ripensassi il rapporto col Pd e trovassi un altro spazio politico il più vicino possibile alle mie idee, ed è così che è nata l'adesione alla Rosa per l'Italia di Tabacci e Pezzotta.

Lo so, è tutta un'altra storia al mio modo di essere ulivista, di centrosinistra, bipolarista. Aderire all'Unione di Centro vuol dire far parte di un altro mondo. Ma, a questo punto, non voglio ripetere sulla stessa onda l'esperienza verso e nel Pd: mi sono stancato di parlare di posizionamenti, e piuttosto proviamo a parlare anche di contenuti, e su quelli penso che la mia vicinanza alla Rosa per l'Italia abbia un solido perché.

Al Pd auguro ogni bene, è una creatura che ho amato. Ma non è l'Ulivo. E dopo un anno e mezzo, per coprire le difficoltà, ancora si parla di "partito appena nato". Se questa è la premessa, non si salveranno.

Si riparte allora, una nuova avventura con l'Ulivo nel cuore!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd rosa per l'italia anzola tabacci pezzotta

permalink | inviato da Innoxius il 29/7/2009 alle 8:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
28 ottobre 2008
Omaggio

Il prof. Giuseppe Sassatelli merita tutto il mio apprezzamento. Non solo è professore della disciplina che adoro più di tutte (etruscologia e antichità italiche), ma sta riuscendo a non farmi perdere un solo concetto, una sola parola, una che sia una, delle sue spiegazioni. Appunti così completi non li avevo presi mai con nessuno, e zero sbadigli. Voto: trenta e lode!




permalink | inviato da Innoxius il 28/10/2008 alle 21:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
27 ottobre 2008
Il mio 25 ottobre

L'unico "pirla" con la bandiera de L'Ulivo (nella foto babbo Luigi e Fabio Mignani che ci ridono sopra). Ma valeva la pena portarla per non perdere e, anzi, riaffermare certe radici, che continuo a sostenere non debbano essere mai scordate; e se tanto mi dà tanto, posso ritenermi soddisfatto per due cose: l'omaggio di Veltroni a Romano Prodi, «che non pensava a se stesso, ma allo Stato»; il fatto che la piazza di Roma andava ben al di là del solo Pd, ma mi è parsa l'embrione di un possibile nuovo centrosinistra. E non scordiamo, ovviamente, la pronta organizzazione enogastronomica dei Democratici di Anzola tra Pignoletto, Lambrusco e panini con salumi. Certe tradizioni non si scordano mai...

P.S. Grazie a Loris Marchesini per le foto.






permalink | inviato da Innoxius il 27/10/2008 alle 21:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
2 ottobre 2008
E' presto, però...

Ho iniziato solo ieri il Servizio Civile, dunque è ancora presto per dire che tipo di esperienza sia (e però è iniziata molto bene, anche perché ho la fortuna di lavorare in un ambiente, Villa Pallavicini, in cui ho vissuto per quattro anni e quindi che già conosco). Tuttavia, una cosa già so di averla capita.

Recentemente avevo intenzione di iscrivermi all'Azione Cattolica per arricchire il mio profilo politico con la garanzia di un patentino di cattolicità, memore che i vecchi dirigenti cattolici e democristiani hanno avuto un'esperienza nella AC appunto, ma anche nelle Acli, nella Fuci o in altre organizzazioni cattoliche. Oggi mi è sovvenuta la consapevolezza che invece sarà questa esperienza, immersa nella vita di piccoli gesti quotidiani, che mi farà sentire pienamente un cristiano; oltre a contribuire a farmi conoscere una realtà sociale con cui potrò fare eventualmente una politica migliore. E pazienza se non avrò un marchio cattolico.




permalink | inviato da Innoxius il 2/10/2008 alle 22:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
15 maggio 2008
E mo' so' cacchi vostri...

Ieri ho passato l'esame, con qualche ammaccatura per colpa della fretta, ma è andata: da settembre sarò arbitro provinciale di pallavolo a tutti gli effetti. Si inizia con gli under, più in là verranno anche la terza e la seconda divisione, sia da secondo sia da primo arbitro. Nella pallavolo è molto più raro del calcio cacciare fuori i cartellini; per questo, quando mi capiterà l'occasione, sarà molto più soddisfacente penalizzare una squadra o sbattere fuori qualcuno per un set o per l'intera gara...




permalink | inviato da Innoxius il 15/5/2008 alle 16:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
12 aprile 2008
Auguri all'Italia

Mi taccio. Un blogger forse non ha il dovere di seguire il coprifuoco del week end elettorale, ma tant'é, diamo il buon esempio; anche perché io sarò impegnato come scrutatore, e lunedì, finito il conto delle schede, mi tocca correre in Federazione a Bologna per dare una mano là. Sicuramente una giornata di duro lavoro dalle 7 della mattina alle 24. Per cui riprenderemo le trasmissioni martedì con un primo commento.

Non dimentico che ho scomesso un milione di euro sulla vittoria del Pd. Ok, è un milione virtuale, ma diavolo, è sempre un milione! Auguro tanto bene all'Italia, spero che anche l'Italia se lo auguri.

Caro Walter, a te la vittoria, a te il Partito Democratico!

P.S. Durante la mia assenza, godetevi pure "L'acrobata" di Zarrillo (dal titolo forse emblematico)




permalink | inviato da Innoxius il 12/4/2008 alle 1:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
29 marzo 2008
Dove sto di casa

 

Un giochino interessante, certo da prendere per quello che può valere. Ma il risultato mi soddisfa ampiamente e, in un certo qual senso, mi rispecchia.




permalink | inviato da Innoxius il 29/3/2008 alle 20:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
4 dicembre 2007
Ma chi c...o è Antonio Esposito?

Vi ho raccontato molto del forum ieri, ma mancava la ciliegina sulla torta tipica di occasioni come questa. La storia si potrebbe chiamare (oltre al titolo del post) "io e il questore". Tra gli altri, avevo chiamato come relatore anche il questore di Rimini, il dott. Antonio Pezzano. Avevo parlato con la segreteria, avevo mandato la mail con i dettagli come richiestomi e sembrava che tutto fosse a posto. Macché!
Sabato, ore 15: stiamo per iniziare con i tavoli di lavoro, il questore non è ancora arrivato in hotel. Ad un certo punto arriva un tizio mandato dalla questura, ci dice che Pezzano è malato e non può venire. Non era vero: alle 17 e 30 arriva il questore, va al tavolo sulla legalità e sbraita: «Ma chi c...o è Antonio Esposito?». Così, per un quarto d'ora. E rivolto a Giuseppe Raffo, coordinatore dei GdM: «Sei per caso tu?». E lui ovviamente a dire no. Io non c'ero, ero, come sapete, al tavolo sulle questioni etiche.
Che era successo? Pezzano pensava che la mia mail fosse uno scherzo, perché, dato che è nato il Pd, credeva che la Margherita non esistesse più; io, in effetti, mi ero firmato come responsabile dei Giovani della Margherita, anche se avevo sottolineato che l'iniziativa era stata organizzata insieme a Sg. Pensando così, aveva messo sottosopra la questura per svelare l'eventuale scherzo: ero diventato per lui come il fantasma di Provenzano! E così aveva poi mandato un emissario all'hotel per controllare se tutto fosse vero. Mamma mia, mi sono perso una scena!
"Ma chi c...o è Antonio Esposito?" è diventato così il tormentone del forum: da allora per scherzo tutti a fare 'sta domanda alla gente che non mi conosceva. Finito? Macché! Riccardo Rivani me l'ha fatto intendere a chiare lettere: «Ti prenderemo per il culo per un anno». Ah, grazie mille!




permalink | inviato da Innoxius il 4/12/2007 alle 12:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
3 dicembre 2007
Considerazioni dopo il forum

Il forum a Rimini è andato molto bene, sono state due giornate splendide e ringrazio tutti coloro che vi hanno contribuito. La defezione di alcuni relatori, anche dell'ultimo momento, è stata traumatica ma la voglia di partecipare, di contribuire, di fare politica dei 160 ragazze e ragazzi ha fatto si che la scuola di formazione andasse anche oltre le mie più rosee aspettative; davvero, col senno di poi non mi viene da rimpiangere più l'assenza di certi relatori, anche dal nome celebre. Io invito a leggere le relazioni dei tavoli di lavoro (sperando che siano presto pubblicate).
Da parte mia è stato anche faticoso, considerando che ho ricoperto più incarichi, dall'organizzare l'evento, allo smistamento dei relatori da me chiamati ai responsabili dei tavoli di lavoro, al ruolo di presidente dell'assemblea il secondo giorno, al fare anche il relatore sulle questioni etiche (dopo la defezione di Paola Concia e Albertina Soliani), dovendo incarnare il ruolo del teodem di turno. Soprattutto per quanto riguarda la relazione, che ho dovuto preparare la notte prima del forum, barcamenadomi nella lettura di encicliche papali, leggi varie e loro disposizioni, opinioni diverse. Il confronto con Fabio Astrobello dell'Arcigay di Reggio Emilia è stato proficuo, e ciò lo si nota dal documento venuto fuori, plasmato grazie anche alla mediazione di Enzo Lattuca, coordinatore del tavolo; per me è buono, sono riuscito ad introdurre la centralità della famiglia, come dispone l'articolo 29 della Costituzione, il dubbio sull'embrione come persona umana a tutti gli effetti, e la necessaria cooperazione tra scienza e fede sulla base che esse non portano, almeno nell'ottica politica, verità assolute. Ma c'è anche l'apertura ai diritti delle coppie omosessuali e delle famiglie non tradizionali, e la possibilità di una revisione della legge 40, e per questo credo che mi potrei beccare forti critiche dall'area cattolica più intransigente; ma, sebbene mi sia divertito molto a farne le veci, io sono convintamente un cattolico, non un teodem.
Un'altra buona notizia è che Salvatore Catorano non sia rimasto a dormire a Rimini, pena ritrovarmelo nel letto matrimoniale (orrore!): ci mancava solo questa, dopo l'onda sonora del russare di Giacomo Roffia! Scherzo ovviamente, mi sarebbe molto piaciuto che Salvatore, Angelo Prete e Lorenzo Mattucci fossero rimasti anche per domenica.
Per il resto bene, anche nella festa del sabato sera, i ragazzi hanno dato il meglio di sè.
L'unica nota negativa è stato che ho dovuto perdermi i discorsi dei relatori degli altri tavoli di lavoro, lo show a cui Monari ci ha abituati, Massimo Pavarini, don Nicolini, Paolo Natale, e questo straordinario intervento dell'amico Luca Rizzo Nervo sulla comunicazione.
Un prossimo appuntamento è, chissà, il forum dei democratici del Veneto, a cui l'amico Marco Taietta di Verona mi ha invitato. Stavolta, per fortuna, da semplice spettatore.




permalink | inviato da Innoxius il 3/12/2007 alle 16:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
10 novembre 2007
Esperienze di vita

La politica non è per i deboli di cuore.
Sappiatelo amici che forse pensate quanto sia bello e redditizio fare politica attiva. Questo lo sto imparando a mie spese, dopo essermi ritrovato dal distribuire volantini ad essere responsabile di una scuola di formazione politica. Non che essere responsabile di una giovanile sia fare 'sta grande politica, soprattutto se si pensa che io la faccio gratis e il mio collega responsabile (in tutti i sensi) alla fine del mese si trova la paghetta dal partito (diamine, mi dovevo iscrivere ai Ds quella volta!). Ma comunque si impara in piccolo che ci vogliono nervi, pazienza e tanto self control. Qualità che io non ho, perché mi ritrovo ad essere un istintivo, un pasionario. L'unica cosa che potrei fare per salvarmi è frequentare un corso per la formazione delle belve democristiane, ma a me non piace fare palestra, non l'ho fatta per la mia salute fisica, figurarsi per quella mentale nella politica. In questi giorni mi ritrovo a fare una specie di operatore del call center, con il culo inchiodato alla sedia per ore e molto precario (di nervi): chiama, richiama, rispondi, ansia perché quel nome non viene, cerca il sostituto, chiama il sostituto, aspetta che risponda, prega che venga, chiama Roma, il deputato non c'è, poi ti richiamerà, si, ci speri ma non lo farà, e richiama, e digli alla segretaria che è urgente e che se chiama la notte mentre dormi fa niente, tanto chi dorme! Ma poi c'è quello che ti propone un nome e tu chiami, medi, rispondi, ti incazzi, chiarisci, aggiungi, togli, ti reincazzi e bevi acqua e... E' così: o giochi con l'elastico o ti fanno ad elastico. Non so come me ne uscirò da questa (dis)avventura: spero vivo, l'importante è la salute. Ma poi tutti a seguire Orazio: via da Roma e strada spianata verso la villa in Sabinia. Sarà più faticoso zappare la terra (forse mica tanto), ma almeno ci si diverte di più.


Allego una foto di repertorio




permalink | inviato da Innoxius il 10/11/2007 alle 0:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

i democratici
Testardi dentro



Vai al sito del Comune di Anzola dell'Emilia




BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
segnala il tuo blog su blogmap.it


Add to Technorati Favorites

Add to My Yahoo!

Add to Netvibes

http://www.wikio.it



Add to Google


Link al sito democraticiperlulivo.it
Link al sito ulivisti.it









Un impegno concreto: migliorare la vita degli Italiani
Un impegno concreto: migliorare la vita degli Italiani


Statistiche gratis

 

 

 



 




IL CANNOCCHIALE