.
Annunci online

Innoxius
politica interna
3 agosto 2009
Urge partito della Nazione

E' quantomai clamoroso il quadro che ci viene offerto oggi dalla maggioranza di destra: un governo che pare una centrifuga, dilaniato da una parte della forza della Lega Nord e dall'altra dalle rivendicazioni eterodosse di un manipolo di sognatori del partito del Sud, mentre i preparativi per i festeggiamenti dei 150 anni dell'Unità d'Italia - su cui per giunta incombe la mannaia della riduzione dei fondi - sono ancora in alto mare.

E' chiaro, quindi, che in questo contesto è totalmente necessario che si organizzi un'unione di forze che si ponga a difesa dell'unità del nostro Paese: urge un partito della Nazione, che dica sì al governo e alla libertà delle autonomie locali in alcune materie, in linea con la Costituzione, ma che si opponga a interessi regionalistici e a soluzioni pasticciate.

Oggi, nel panorama politico italiano, l'unica forza che è in grado di formare un baluardo credibile è l'Unione di Centro, non ne esiste nessun'altra. Il PdL è un partito che ha tanti consensi ma si regge solo sul carisma di Berlusconi, dopo cui si sfascierà il centrodestra; per di più, ha avuto molti consensi al Sud ma lo ha sostanzialmente tradito. Dall'altra parte, il Pd è un partito regionalistico, ossia ha una forza molto marcata nelle regioni ex rosse, in cui peraltro si sta sgretolando il suo impero (nelle Marche e nell'Umbria ha già perso la leadership); il meglio che riesce a fare, peraltro, è scimmiottare il modello della Lega (Pd o coordinamento del Nord), senza peraltro essere autenticamente un partito federale.

Dico l'Unione di Centro perché è stato il solo che si è opposto al federalismo coatto della Lega Nord, una riforma a cui si sono piegati tutti nonostante Tremonti abbia ammesso candidamente che non se ne conoscono i costi (e quindi neanche i vantaggi), e che pertanto ha mostrato una lucida coerenza tra le parole e i fatti. Ora resta solo da fare una cosa: far crescere questa nuova forza, proponendo un modello di anelli che però fanno parte di una stessa catena, di un solo Paese e di una sola Nazione: non sono i Piemontesi più i Pugliesi più eccetera a fare l'Italia, ma gli Italiani. Con un mio personale consiglio: se il centro vuole essere coerente fino in fondo, allora non decida di entrare in alleanze di centrodestra al solo scopo di fare il contraltare della Lega. La Lega Nord non va contenuta, va combattuta.




permalink | inviato da Innoxius il 3/8/2009 alle 19:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

i democratici
Testardi dentro



Vai al sito del Comune di Anzola dell'Emilia




BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
segnala il tuo blog su blogmap.it


Add to Technorati Favorites

Add to My Yahoo!

Add to Netvibes

http://www.wikio.it



Add to Google


Link al sito democraticiperlulivo.it
Link al sito ulivisti.it









Un impegno concreto: migliorare la vita degli Italiani
Un impegno concreto: migliorare la vita degli Italiani


Statistiche gratis

 

 

 



 




IL CANNOCCHIALE